pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Sport

Turdò sull’autovelox di Macchia D’Isernia: Chi ha sbagliato deve pagare!!!

Redazione - Pubblicato il 19 febbraio 2017

Il Presidente Turdò e Di Schiavi durante un sopralluogo

 

Di pochi giorni fa il giudice di Isernia Vincenzo Di Giacomo ha rigettato un appello che il Comune di Macchia D’Isernia ha fatto ad una sentenza di archiviazione emessa dal Giudice di Pace di primo grado contro un verbale emesso in seguito a controllo autovelox sulla SS 85 Venafrana.

 

Questa decisione chiude definitivamente un periodo lunghissimo che è iniziato circa 5 anni fa nel quale gli automobilisti sono stati calpestati, schiacciati da tutti Sindaci , Prefettura, Tecnici del Ministero dei Trasporti, cioè ciò che era vero in tutta Italia su questa postazione non valeva.

 

In collaborazione con il CSA-Fiadel , quivi rappresentato da quel “guerriero sannita di Pietrabbondante” di Feliciantonio Di Schiavi iniziamo una campagna di denuncia con conferenze stampe, petizione popolare e forme di protesta le più diverse anche un sit-in davanti alla medesima Prefettura.

 

Dopo aver certificato che l’autovelox non era posizionato sul lato giusto invece che nel lato destro era a sinistra contraddicendo l’ordinanza ANAS, che dal bivio di Temennotte alla postazione non c’erano almeno 1000 metri in presenza di limite di riduzione della velocità, che non esistevano i pannelli lampeggianti in avvicinamento alla postazione autovelox nei ricorsi alla Prefettura, la quale  dopo un iniziale accoglimento cominciò a rigettare inopinatamente, i successivi ricorsi fatti dalla nostra associazione, sottoponendo gli automobilisti ad ulteriori costi e aggravi per ricorrere al Giudice di Pace, ed anche in questo caso la nostra associazione ha vinto tutti i ricorsi.

Però oggi ci poniamo una domanda: Mica può finire così e certi personaggi pensano di passarla liscia?

Cioè oggi che è stato accertato ed acclarato definitivamente che avevano tutti torto : I due sindaci di Macchia D’Isernia che si sono succeduti, i due Prefetti di Isernia che si sono succeduti, la Polizia stradale di Isernia, quei “luminari” di  ingegneri che venivano da Napoli dal provveditorato alle opere pubbliche , la squadra di ingegneri dell’Anas il geometra del comune di Macchia D’Isernia, il “maresciallino” della Polizia Municipale Marino Notte,la ditta che gestiva e che ancora gestisce “ autovelox” quel “Signor “ viceprefetto aggiunto che puntualmente respingeva i ricorsi e raddoppiava le sanzioni agli automobilisti ed altri ancora del “ sotto bosco” della palude melmosa che è stata la gestione degli autovelox di Macchia D’Isernia, bene tutta questa gente nessuno pensa di dover chiedere scusa agli automobilisti? Nessuno pensa che sia il caso di restituire i soldi agli automobilisti ed ai tanti che si sono visti sottratti i punti dalla patente di guida.

Nella foto del convegno si vede il Sindaco in piedi e Turdò e Di Schiavi seduti

Io penso che dobbiamo andare alla procura della Repubblica a chiedere che venga data e riconosciuta giustizia.

 

San Salvo,  19 febbraio 2017

Il Presidente  Antonio Turdò

Associazione Comitato PROTRIGNINA Abruzzo e Molise

Sede: Via Giovanni Paolo I, n. 17 -66050 San Salvo (CH)

Tel. 3331077384- e-mail: comitatoprotrignina@libero.it

Sito: www.vastesenews.it

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie