pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Primo Piano

Turdò accusa: Le mancate dimissioni della Boschi è una caduta di stile!!!

Redazione - Pubblicato il 12 dicembre 2015

Il Presidente di Italia Unita, Antonio Turdò

Ciò che è avvenuto in questi giorni rivela come nella compagine di governo la questione morale ed il principio etico sono elementi non più determinanti e rilevanti.

Come tutti sappiamo quattro banche di carattere popolari, come la Carichieti, CariFerrara, Banca Marche e Banca Etruria hanno venduto azioni subordinate, da non confondere con le azioni ordinarie, che stanno portando sul lastrico ed alla disperazione intere famiglie di cittadini che avevano consegnato loro i sacrifici di una vita.

In alcuni casi le reazioni sono state virulente , un pensionato di Civitavecchia si è ammazzato, lasciando una lettera che racconta la violenza morale subita ed il senso di sopraffazione al quale non è riuscito porre rimedio e superare.

Ma questa vendita di titoli che in America chiamano giustamente con un termine più diretto e immediato ” spazzatura” siamo convinti che gli sportellisti, che i semplici operatori anchorchè incantati da lauti guadagni, come se fossero dei miserabili, siano i principali responsabili?.

Noi pensiamo di no!!!

Noi riteniamo che i dirigenti degli istituti di credito coinvolti debbano rispondere penalmente dei loro reati come politicamente debba darsi vita ad una Commissione parlamentare d’inchiesta per fare vera luce su tutto ciò che è accaduto.

Ma quello che non comprendiamo come sia possibile che un Ministro del Governo Renzi, coinvolto in prima persona , dato che ha ritenuto di assentarsi, anche molto rumorosamente  dalla riunione dal Consiglio dei Ministri che approvava il provvedimento salvabanche per una questione etica non pensi alle dimissioni, precisando che la posizione del padre non è di seconda fila essendo stato Vicepresidente della Banca Etruria anche essa entrata nel novero degli Istituti salvati dal governo.

Questo atteggiamento ci pone almeno tre domande.

La prima è quella della tempestività, cioè se non fosse stata coinvolta la banca del padre della Boschi  ci sarebbe stato questo intervento così repentino?

La seconda è quella della discontinuità, cioè come mai con altri personaggi anche di secondo livello ma soprattutto con rilievi molto inferiori ci sono stati i silenzi rumorosi del premier oppure dell’establiment governativo ed oggi un fatto così rilevante ha una  copertura che non si giustifica nè per le qualità politiche e tantomeno per lo spessore del personaggio?

La terza domanda è quella della direzione di marcia, cioè dove credere di andare un governo< ancorchè illegittimo non essendo stato votato> che mette il tappo e chiede in alcuni casi persino la censura su fatti gravissimi che coinvolgono migliaia di famiglie e di risparmiatori, riparandosi dietro il principio di non disturbare il navigatore, non dimentichiamoci che sordi , ciechi e muti non ci siamo nessuno nemmeno quelli che palesemente e lealmente sostengono il governo Renzi e Italia Unita lo fa ma non è detto che lo continui a fare, alle condizioni che sulla questione morale e sui principi etici non si faccia sconti a nessuno.

Il Presidente Antonio Turdò ( candidato al Parlamento Europeo)

San Salvo, 12 dicembre  2015                    

MOVIMENTO ITALIA UNITA-PARTITO DELL’AUTOMOBILISTA

Italia Unita – Sede Nazionale: Via Flaubert n.22-00186 Roma(RM).

Sede Legale: Via F.Parri,8-66050 San Salvo(CH)-

Via II Vico Umberto In.23 66050 Carunchio(CH)

 

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie