pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Politica

Silvio Berlusconi si innamora di un comunista… fermatelo prima che sia troppo tardi.

Redazione - Pubblicato il 03 novembre 2015

Alfio Marchini

Il nonno ha partecipato alla liberazione di Sandro Pertini ed ha regalato il Bottegone( la sede di Direzione Nazionale del Partito a via delle Botteghe Oscure) al PCI…

Dalle varie nomine è chiaramente uno di sinistra abituato a mangiare a diverse tavolate contemporaneamente.

Nato a Roma da una famiglia di costruttori vicina al Partito comunista italiano, frequenta l’Istituto Massimiliano Massimo e il Collegio San Giuseppe – Istituto De Merode, conseguendo il diploma di maturità scientifica. Separato e padre di cinque figli, tre maschi e due femmine.

Nipote di un partigiano che ha guidato la Resistenza romana partecipando, tra l’altro, alla liberazione di Sandro Pertini da Regina Coeli e guadagnandosi l’Ordine militare d’Italia.

Inizia a lavorare durante gli studi superiori al fianco del nonno Alfio “senior” e del prozio Alvaro Marchini, già presidente della Roma e padre dell’attrice Simona Marchini. Assume la guida della società di famiglia Astrim Costruzioni s.p.a. nel 1989, dopo la morte di Alfio, ancor prima di terminare gli studi in ingegneria civile a 23 anni presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza (votazione di laurea 108/110). [1]  Dal 1998 guida le attività imprenditoriali della famiglia soprattutto fuori dall’Italia.

Nel giugno del 1994 viene nominato, dai Presidenti di Camera e Senato, membro del Consiglio di Amministrazione della RAI e dal luglio 1994 diviene presidente del Consiglio di Amministrazione di SIPRA, la concessionaria di pubblicità della RAI. A dicembre 1994 si dimette dall’incarico in RAI a causa del disaccordo sulla strategia aziendale e sulle nomine realizzate dall’allora governo Berlusconi.[2]

Nel 1996 diventa socio fondatore, membro del Board Internazionale e presidente del Board Italiano dello Shimon Peres Center For Peace; inoltre è membro del Board di Non Governmental Peace Strategies Project e cofondatore della Associazione ItaliaDecide; è stato nel consiglio di amministrazione della Fondazione Mariani per le malattie neurologiche infantili.

Dal 1995 al 1998 è amministratore delegato di Roma Duemila S.p.a., società di proprietà del gruppo Ferrovie dello Stato, con il compito di coordinare gli interventi di riqualificazione urbana e infrastrutturale della città anche in previsione del Giubileo del 2000. E’ stato uno dei promotori della famosa “cura del ferro” ideata, e solo parzialmente realizzata poi, per facilitare gli spostamenti nella città.

Alla fine degli anni ‘90 ricopre l’incarico di membro del Consiglio di Amministrazione di Banca di Roma e successivamente di Capitalia, ricoprendo anche la carica di Membro del Comitato Esecutivo e Membro del Comitato per la Remunerazione. Nel 2007, a seguito della fusione di Capitalia in Unicredit, entra a far parte del Consiglio di Amministrazione fino a ottobre 2008.

Redazione

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie