pubblicitŗ 333.10.77.384

Categoria | Politica

Il CAF Enpta informa: La riduzione del canone di locazione va esente da registro e bollo

Redazione - Pubblicato il 19 settembre 2014

Il contratto di riduzione del  canone di locazione è esente da imposte

¬†Il Decreto Legge¬† del 12.09.2014 n. 133 art. 19 ha previsto che gli accordi di riduzione del¬† canone di locazione sono esenti da imposta di bollo e dall’imposta di¬† registro.

DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133

Misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere  pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica,  l’emergenza del dissesto idrogeologico e per la ripresa delle attivita’ produttive. (14G00149)

In G.U. Serie Generale n.212 del 12-9-2014

note: Entrata in vigore del provvedimento: 13/09/2014

Art. 19 Esenzione da ogni imposta degli accordi di riduzione  dei  canoni  di  locazione

1. La registrazione dell’atto  con  il  quale  le   parti dispongono  esclusivamente la riduzione del canone di un  contratto  di  locazione  ancora in essere e’ esente  dalle imposte di registro e di bollo.

Volendo procedere ad un commento di questo articolo, è  possibile affermare che il legislatore diventa cosciente dei tanti contratti di  (ri)quantificazione del canone che si registrano presso l’Agenzia delle  Entrate.

I motivi per i quali si procede ad una nuova quantificazione  del canone sono sostanzialmente dovuti a due fattori: a) la crisi economica, b)  la presa di coscienza del reale valore dell’euro rispetto la lira (1 ero vale  circa 2000 lire, mentre un euro non vare 1000 lire), in realtà molti  canoni di locazione sono stati stipulati non considerando questo aspetto.

Se questi sono i motivi oggettivi per i quali si procede¬† alla riduzione del canone, potrebbe chiedersi quale vantaggio (personale o non¬† oggettivo) ha il proprietario a ridurre il canone ad un inquilino che non pu√≤¬† pi√Ļ permetterselo, invece, di imporre allo stesso inquilino di lasciare il¬† locale. La risposta a questa domanda si ottiene sempre considerando la crisi¬† economica e il reale valore dell‚Äôeuro rispetto la lira, infatti, il proprietario¬† potrebbe avere interesse a non lasciare il locale vuoto (e non √® detto che¬† riesca ad affittarlo in tempi brevi), inoltre, potrebbe avere interesse ad¬† ricalcolare il canone di locazione parametrato al reale rapporto di cambio tra¬† lira ed euro, in altri termini, a tornare a canoni di locazione ante euro.

Chiariti questi aspetti relativi a interessi reali, si¬† comprende che la soluzione della riduzione del canone √® la soluzione pi√Ļ¬† semplice. Qualcuno potrebbe anche chiedersi per quale motivo non stipulare un¬† nuovo contratto di locazione con il canone aggiornato. Il motivo √® semplice, con¬† una mera riduzione del canone i termini del contratto in essere rimangono¬† immutati, con un nuovo contratto, i termini del contratto ricominciano da¬† zero.

Questo permette anche di sottolineare che il legislatore si  esclude l’imposta di bollo e di registro solo per le riduzioni di canone (non  sono compresi eventuali nuovi contratti stipulati per aggiornare  il canone  di locazione).

Il legislatore parlando semplicemente di locazione, non  distingue tra locazione ad uso abitativo o ad uso commerciale,  quindi, qualsiasi riduzione di canone è esente da imposte indipendentemente  dal tipo di contratto.

Il legislatore non pone neppure limiti di tempo, quindi,  l’esenzione è sempre possibile per i contratti di locazione, indipendentemente  dalla loro durata (rimanente durata) ed è possibile anche se la riduzione non  vale per tutta la durata del contratto, ma solo per un anno.

E’ opportuno sempre procedere alla registrazione della  riduzione (anche se esente da imposte di bollo e registro) in quanto solo in  questo modo sarà possibile dimostrare al fisco che non si è incassato quanto  previsto nell’originario contratto di locazione, ma solo quanto indicato nella  successivo contratto di riduzione del canone, in altri termini, la differenza di  canone non è imputabile ad evasione fiscale, ma solo a rinegoziazione del  contratto di locazione.

San Salvo, 19 settembre 2014                      Il Direttore del CAF Antonio Turdò

Per informazioni rivolgersi a:

FINANCIAL CONSULTING SERVICE di Antonio Turdò*

Pianificazione finanziaria per gli investimenti d‚Äôimpresa- Finanza agevolata ‚ÄďRichiesta di contributi a fondo perduto-Indagini di studio e commerciali- Centro di assistenza fiscale

Via Ferruccio Parri n.8-66050 San Salvo (CH) – Tel.3331077384- email: financialturdo@virgilio.it- Iscritto Albo U.I.C. della Banca D‚ÄôItalia n. 13269 come ‚ÄúMediatore Creditizio‚ÄĚ-

  • Esperto dei fondi strutturali e della politica di coesione e di ¬†¬†¬†¬† sviluppo¬† nelle regioni meridionali ¬†¬†¬†¬† avendo pianificato progetti di finanziamento a valere sui bandi della ¬†¬†¬†¬† 488/92- Patti Territoriali- Legge R.77/2000-Fondi FESR- Legge 215/92.

Candidato alle elezioni europee.‚ÄĒsito: www.vastesenews.it .¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†

Fonte articolo: http://www.fanpage.it/il-contratto-di-riduzione-del-canone-di-locazione-e-esente-da-imposte/#ixzz3DlcRFojq http://www.fanpage.

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie