pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Politica

D’Alfonso toppa la seconda.Stop al safarismo banditesco!!!

Redazione - Pubblicato il 03 aprile 2014

Foto dell'incontro tra D'Alfonso e Prodi, oggetto di una sana e forte smentita nei contenuti da parte dello staff del Presidente Prodi

Pezzopane:  D’Alfonso ci ripensi

«Non può candidare in Regione 80 politici del centrodestra, c’è malessere». Altolà anche dagli alleati

di Antonio De Frenza

PESCARA. Giornata difficile quella di ieri per il candidato del centrosinistra alla presidenza della regione Luciano D’Alfonso. Prima c’è stata la bacchettata della senatrice Stefania Pezzopane sul “progetto safari”, la campagna di reclutamento di candidati del centrodestra (due nomi per tutti l’ex assessore di Chiodi Daniela Stati e l’attuale assessore Angelo Di Paolo), poi è arrivata una gelida smentita di Romano Prodi che in mattinata aveva ricevuto l’ex sindaco nel suo studio bolognese. Una smentita (leggi box di lato) su presunti impegni con D’Alfonso per la campagna elettorale.

Ma forse la dichiarazione più preoccupante per il candidato presidente è arrivata dalla senatrice Pezzopane che ha dato voce alle perplessità di parte del suo partito (e come si vedrà di tutti gli alleati) sull’inserimento nelle liste di personaggi di area centrodestra.

«Luciano D’Alfonso», ha detto la Pezzopane, «non aveva detto prima delle primarie per la scelta del presidente che avrebbe candidato oltre 80 persone provenienti dal centrodestra. Se lo avesse fatto, avrei manifestato subito le perplessità, ma dato che l’ha detto adesso, e visto che parlo anche con tante persone che sentono malessere, esplicito ora il mio pensiero, dopo averlo comunque fatto nelle riunioni di partito. Uno dice queste cose», precisa la senatrice aquilana, «perché spera che Luciano possa rivedere e ritoccare alcune decisioni, ma questo non mette assolutamente in discussione il sostegno» ha poi assicurato. «Dobbiamo fare un’operazione di cambiamento in Regione, quindi siamo tutti a sostenere D’Alfonso, augurandoci che la vittoria sia del centrosinistra, e non di un centrosinistra con un 30% di centrodestra».

Stesse perplessità arrivano dagli alleati che da domenica sono più numerosi con l’arrivo dei Comunisti Italiani di Antonio Saia. Nel vertice del centrosinistra di dfomenica scorsa Pcdi, Sel, Idv, ma anche il Pli di Daniele Toto, hanno manifestato a D’Alfonso e al Pd contrarietà sulla candidatura di personale politico di centrodestra che non abbia manifestato chiaramente (lasciando per esempio le cariche amministrative ricoperte) la decisione di cambiare campo. «Non bisogna vincere per vincere, ma per governare», è stato detto. D’Alfonso avrebbe dato rassicurazioni. Venerdì nuovo incontro per definire la questione.

Nei giorni scorsi l’Ncd, tramite Filippo Piccone aveva chiesto al Pd un patto per non mettere in lista trasformisti e voltagabbana.

Fonte: Il centro.it

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie