pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Politica

Champions, Morata-Zaza: la Juve batte il Siviglia e vola a sei punti

Redazione - Pubblicato il 30 settembre 2015

Alvaro Morata il realizzatore del primo gol

Champions, Morata-Zaza: la Juve batte il Siviglia

Bianconeri a sei punti, prima vittoria stagionale allo Stadium

La Juventus batte 2-0 il Siviglia e conquista la prima vittoria stagionale allo Stadium. Buona partita dei bianconeri contro un Siviglia senza idee, al 41′ il vantaggio arriva con il colpo di testa di Moratache anticipa Andreolli e Kolodziejczak. Nella ripresa i bianconeri controllano e chiudono i conti nel finale con il contropiede di Zaza. La squadra di Allegri sale a 6 punti nel gruppo D della Champions League.

LA PARTITA

Cuadrado, lo sterzatore

Tante buone notizie per Massimiliano Allegri: primato solitario in Champions League, porta inviolata, il rientro di Khedira, primo successo in casa in questa stagione. Tutto in una sera, la notte europea che ancora una volta sorride alla Juventus e riporta un po’ di sereno a Torino anche se non è tutto oro quel che luccica. A partire da un Siviglia quanto mai arrendevole, parente lontana di quella squadra che ha incantato più volte l’Europa League e venuta in Italia quasi per non giocarsela, rintanata dietro e a ritmi imbarazzanti. Nonostante questo la Juve ha trovato il gol solo nei finali dei tempi, pur dominando in larga parte. Ma Cuadrado funziona bene, Morata ritrova il sapore della rete, Pogba è più presente e Buffon non deve sporcarsi troppo i guantoni. Comunque un buon viatico in vista della strada verso gli ottavi e di un campionato che deve presto prendere un’altra piega.

Le scelte degli allenatori: Allegri mantiene la promessa e schiera la formazione anticipata in conferenza con Hernanes preferito a Lemina anche perché il francese è affaticato. Restava da capire lo schieramento: 3-5-2 o 4-3-3? Più il primo, per la tendenza di Barzagli a restare bloccato al contrario di Evra, mentre in difesa diventa un 4-4-2. Emery senza Llorente, Rami e Banega può far poco e mette un 4-5-1 abbottonato con Reyes e Konoplaynka che devono cercare di ripartire con velocità per dare una mano a Gameiro.

Al pubblico dello Stadium basta mezz’ora di gioco per tirare un sospiro di sollievo, non sarà una serata stile Udinese, Chievo o Frosinone. La Juve è frizzante, vogliosa e schiaccia il Siviglia nella sua area aggirandolo da un campo all’altro. Cuadrado ed Evra scelgono spesso i cambi di campo, e gli spagnoli faticano a scivolare da destra a sinistra creando i presupposti per tiri dalla distanza o cross dagli esterni. A dire il vero Rico non ha molte occasione per spaventarsi, Morata, Hernanes e Dybala o sono imprecisi o deboli nella conclusione. Per scelta o di Emery o per serata storta, i biancorossi fanno ben poco: splende Reyes ma Konoplyanka non aiuta per niente Gameiro (che non è Bacca, tra l’altro arrivato a Torino proprio per salutare gli ex compagni). E così, proprio nel momento in cui i bianconeri tirano il fiato e il Siviglia tira fuori la testa dal guscio giocando comunque a ritmi bassi, ecco l’uomo-Champions. Morata, servito da Barzagli (diligente anche se si tratta di fare il laterale difensivo) salta in mezzo alla coppia Kolodziejczak-Andreolli e infila Rico con un colpo di testa lento ma preciso e letale.

La ripresa non regala molti nuovi spunti perché la Juve se ne sta sorniona a metà campo lasciando l’iniziativa alla buona vena di Dybala mentre il Siviglia non sembra avere energie fisiche e nervose per tentare di pareggiare il match. Il solido controllo palla bianconero passa attraverso Khedira, oltre settanta minuti di qualità, e un Hernanes meno impreciso delle ultime gare. Cuadrado va a lampi ma quando si accende fa male a Konoplyanka e Tremoulinas. Emery prova a cambiare le carte, giocando sull’orgoglio di Immobile ma gli va male perché è la Juve a chiudere i conti con Zaza (esordio in Champions con gol in soli sette minuti) ben imbeccato da Dybala.

Emery e Allegri i due allenatori

LE PAGELLE

KHEDIRA 6,5: Non possiamo che complimentarci con Allegri. Aveva detto “quantità e qualità” e così è stato. Prezioso rientro per l’acciaccato centrocampo bianconero.DYBALA 7: Non segna ma ci prova in tutte le maniere, sul primo passo dà sempre l’impressione di essere leggerino ma poi un sacco di occasioni pericolose, 2-0 compreso, partono da lui

ZAZA 7: Tocca due palloni, con il primo chiude la partita mentre il secondo lo spara a lato: sarebbe stato troppo. Ma è uno squillo per dire ad Allegri che è sul pezzo.

REYES 6,5: Alla resa dei fatti, tanto fumo e poco arrosto. Ma è stato il migliore dei suoi, ci ha provato da un lato e dall’altro fino alla sostituzione.

KONOPLYANKA 5: Parente sbiadito del giocatore ammirato al Dnipro, non gli riesce un dribbling e non riesce neanche a dare una mano a Tremoulinas.

IL TABELLINO

JUVENTUS-SIVIGLIA 2-0
Juventus (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 6,5, Bonucci 6, Chiellini 6; Cuadrado 7, Hernanes 6, Khedira 6,5 (30′ st Alex Sandro 6), Pogba 6,5, Evra 6,5; Dybala 7 (44′ st Rugani sv), Morata 6,5 (35′ st Zaza 7). A disp.: Neto, Pereyra, Lemina, Vitale. All.: Allegri 6,5
Siviglia (4-2-3-1): Sergio Rico 6; Coke 5,5, Andreolli 5, Kolodziejczak 5, Tremoulinas 5; Krychowiak 5,5, N’Zonzi 6 (20′ st Iborra 5,5); Reyes 6,5 (33′ st Juan Munoz sv), Krohn-Dehli 5,5, Konoplyanka 5; Gameiro 5 (20′ st Immobile 5,5). A disp.: Soria, Mariano Ferreira, Luismi, Josè Matos. All.: Emery 5
Arbitro: Eriksson (Sve)
Marcatori: 41′ Morata, 42′ st Zaza
Ammoniti: Coke
Espulsi: -

di Stefano Fiore. Fonte: Sport Mediaset

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie