pubblicitŕ 333.10.77.384

Categoria | Lavoro

Al Caf ENPTA siamo pronti per la domanda di rimborso sulle pensioni decisa dalla Corte Costituzionale

Redazione - Pubblicato il 12 maggio 2015

Pensioni, ecco il decreto sui rimborsi. Le fasce post sentenza

Rivalutazione completa da tre volte il minimo

Non si placano le polemiche sul fronte del welfare, a pochi giorni dalla sentenza shock della Corte costituzionale che ha dichiarato illegittima la mancata rivalutazione degli assegni decisa nel 2011 dalla legge Fornero.

Ora, il governo sarebbe al lavoro su un decreto da emanare d’urgenza per assicurare gli adeguamenti richiesti dalla Consulta, anche se sono in previsione alcune limitazioni.

Come noto, infatti, la sentenza riguarda quelle pensioni pari ad almeno tre volte il minimo che si sono viste tagliare l’indicizzazione a partire dal 2012, per effetto del contenimento della spesa previdenziale deciso dalla legge voluta dal governo Monti e approvata con il parere favorevole di molti dei protagonisti di oggi che attaccano a spada tratta quella sentenza.

Con l’eccezione di MoVimento 5 Stelle – che non era in Parlamento e comunque fu duramente critico fin da subito sulle riforme di Monti – Lega Nord, che non accordò la fiducia all’esecutivo Monti e i reduci dell’Italia dei Valori, infatti, quasi nessuno degli altri partiti maggiori può dichiararsi “innocente” in materia previdenziale. Partito democratico, Popolo della Libertà – ora diviso in Forza Italia, Ncd e Fratelli d’Italia – e le altre formazioni avevano infatti dato il proprio ok alla riforma Fornero, facendo passare sia il cambio radicale dei requisiti che il blocco alle indicizzazioni.

Seduta della Corte Costituzionale

Ora, con la pronuncia della Consulta, però, viene meno il blocco sugli aumenti, per un intervento che potrebbe richiedere fino a 15 miliardi di euro al governo di esborso extra, o forse, secondo le stime di vari istituti e associazioni, anche di più. Naturale, insomma che dalle parti di Bruxelles sia già scattato l’allarme rosso sui conti pubblici italiani, seriamente indiziati di andare incontro a

Cosa sta preparando il governo

Ecco perché il governo non può permettersi di perdere tempo, anche se nelle ultime ora a dir la verità qualche problema è emerso, con la Consulta addirittura intervenuta tramite una nota per spiegare gli effetti della propria sentenza.

Secondo le ultime indiscrezioni, venerdì 15 maggio il governo presenterà un decreto ad hoc per dare il via all’operazione rimborsi. I primi acconti sugli assegni dei pensionati potrebbero arrivare già tra giugno e luglio prossimi, quando il governo potrebbe varare, di concerto, anche la riforma della legge Fornero, come auspicato dal presidente Inps Tito Boeri in vari interventi.

Ancora non è noto se tutti gli interessati potranno ottenere il rimborso.  Dalle parti del governo, si sta studiando la possibilità di interrompere la restituzione forse entro pensioni cinque volte il minimo, o forse meno. In ogni caso, l’adeguamento avverrà a rate: secondo i conteggi, una pensione di 1500 euro lordi dovrebbe poter contare su un rimborso complessivo di 2540 euro, pari a 85 euro al mese da aggiungere all’attuale assegno pensionistico.

In aggiunta, per limitare gli effetti della sentenza, nel decreto dovrebbero trovare spazio delle rimodulazioni per gli assegni futuri, sempre prendendo spunto da quanto definito nella sentenza, con i criteri di progressività e temporaneità a fare da ispirazione per gli interventi straordinari. Insomma, una strategia per ridurre all’osso l’impatto sui conti pubblici ed evitare così reprimende dalle istituzioni europee.

A finire tra le ipotesi di intervento anche la parziale rivalutazione assicurata con la legge di stabilità 2014 dal governo Letta, che aveva ripristinato un meccanismo di rivalutazione discendente con l’aumentare del reddito da pensione. Per questo, entro 3 volte il minimo dovrebbe arrivare l’intera somma in busta paga, con fasce a scalare via via che gli assegni aumenteranno (75% entro i 2500 euro, 50% entro i 3mila, 45% per le superiori).

Il Direttore del Caf  ENPTA di San Salvo  Antonio Turdò   

Articolo pubblicato il 12 maggio 2015 ore 6,30

 

Chiunque avesse necessità e bisogno di vera e qualificata consulenza in materia è invitato a rivolgersi a:

FINANCIAL CONSULTING SERVICE di Antonio Turdò*

Pianificazione finanziaria per gli investimenti d’impresa- Finanza agevolata –Richiesta di contributi a fondo perduto-Indagini di studio e commerciali- Centro di assistenza fiscale

Via Nazionale n. 243 .00184 Roma

Via Ferruccio Parri n.8-66050 San Salvo (CH) –

Via II Vico UmbertoI° n.23 -66050 Carunchio(CH)

Tel.3331077384- email: comitatoprotrignina@virgilio.it-  

Iscritto Albo U.I.C. della Banca D’Italia n. 13269 come “Mediatore Creditizio”-

  • Esperto dei fondi strutturali e della politica di coesione e di sviluppo  nelle regioni meridionali avendo pianificato progetti di finanziamento a valere sui bandi della 488/92- Patti Territoriali- Legge R.77/2000-Fondi FESR- Legge 215/92.
  • Candidato alle elezioni europee.—sito: www.vastesenews.it            

 

 

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie