pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Gossip

Turdò conferma: Siamo in guerra , quasi totale, senza arbitri!!!

Redazione - Pubblicato il 27 luglio 2014

Il Presidente Turdò con il Candidato Presidente Guy Verhofstadt

In questi giorni stanno scoppiando una serie di conflitti bellici , Ucraina, Palestina,Siria, Iraq sui quali la politica sembra assente oppure evanescente.

Abbiamo chiesto al Presidente Turdò , candidato alle recenti elezioni al Parlamento Europeo e appena rientrato da un viaggio in Francia e già in movimento per una visita in Serbia nel mese di settembre come mai queste cose non trovano risposte?

R. Io penso che il mondo stia cambiando anche in questo senso, cioè non si vedono leader in grado di intervenire e risolvere le catastrofi, questo porta che anche noi siamo assuefatti  e quindi non ci si indigna più, anzi forse il momento storico è quello di evitare il peggio.

D. Presidente Antonio Turdò non ci sono più arbitri in grado di risolvere la crisi?

R. Il mondo multipolare è molto più difficile da gestire del mondo monopolare. Gli Usa sono ancora la potenza n.1 ma non è in grado da sola di reggere i destini del Pianeta. Poi hanno fatto un errore gravissimo.

D. Quale?

R.L’aggressione in Iraq, oltretutto fondata su un falso dossier delle armi , ma che si è rivelato un errore strategico impressionante , lì sta l’origine dei successivi guai.

D. Ma si poteva evitare?

R. Se l’Europa , soprattutto Francia e Germania insieme a Russia e Cina avessero fatto fronte comune , così non è stato e Bush e Blair hanno avuto via libera.

D. Ma adesso alla Casa Bianca c’è Barak Obama? Aveva fatto delle promesse,in alcuni casi sembra quasi assente?

R. Troppi morti, troppi feriti, l’America non vuole fare più la guerra. Manda i droni non i soldati, ed è un’enorme differenza.

D. Quale ruolo si aspetta dalla Cina nei prossimi anni?

R. Io penso che a breve avremmo il G2 ( USA e Cina) , al massimo G3 con la Russia. I leader cinesi, “ridendo sotto i baffi”, definiscono il loro paese “ in via di sviluppo” e c’è del vero. Su un miliardo e 300 milioni di persone solo la metà vive nel Ventunesimo secolo. Il Paese è tutto proiettato sulla crescita economica e per il resto sta seduto sulla riva del fiume a osservare gli altri che si accapigliano. Sentono che stanno diventando una grande potenza mondiale,cresce l’autostima nel popolo cinese, tutto  il contrario del popolo europeo.

D. La grande assente?

R. Sicuramente, noi non contiamo più nulla, anche perché sembriamo ripiegati su noi stessi e sulle nostre storie invece di guardare al futuro. Per parlare con una voce sola bisogna avere tutti gli stessi interessi, cioè interessi e politica economica comuni. Basti pensare nel caso della crisi Ucraina, dove l’Inghilterra non voleva perdere i rubli dei russi investiti nella City , noi e la Germania abbiamo irrisolti problemi di gas, quindi ognuno segue una sua strada frammentaria e divisa. Nell’era della globalizzazione, se non conformiamo gli interessi non sapremo difenderci e non avremo peso specifico sia economico che politico.

D. Ma come si fondano gli interessi comuni?

R. Con atti di solidarietà veri e seri. Bond comuni, eurobond, regolamentazione fiscale e normative sulle imprese armonizzate.

D. E’ L’Italia cosa fa?

R. Subisce ! Ma non può fare altro. Da pochi giorni i Cinesi sono entrati nel capitale di Terna, gli Arabi stanno per comprarsi l’Alitalia, ormai senza vere e fattive riforme siamo una vecchia nazione che non pesa nulla e interessa solo agli investitori o in alcuni casi agli speculatori ?

Intervista effettuata da Orchidea Selvaggia

San Salvo, 27 luglio 2014                    

 

MOVIMENTO ITALIA UNITA-PARTITO DELL’AUTOMOBILISTA

SAN SALVO, VIA F. PARRI N.8. 

Tel. 3331077384- email: comitatoprotrignina@virgilio.it

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie