pubblicità 333.10.77.384

Categoria | Gossip

La Juventus mette in riga la Fiorentina! Si delinea l’ombra del triplete!!!

Redazione - Pubblicato il 08 aprile 2015

L'esultanza della Juve a fine partita

Coppa Italia, Fiorentina-Juventus 0-3: i bianconeri rimontano e volano in finale

Sconfitta all’andata (1-2) la squadra di Allegri, pur priva di Tevez, riesce a ribaltare il pronostico e a conquistare il pass per la finalissima del trofeo tricolore. In gol Matri e Pereyra nel primo tempo e Bonucci nella ripresa. Unica nota stonata l’espulsione di Morata nel finale. I viola deludono

di GIACOMO LUCHINI

Matri gol!!!

FIRENZE – La Juve è davvero di un altro pianeta. Più forte delle molte e pesanti assenze, la squadra di Allegri schianta la Fiorentina 3-0 e accede con pieno merito alla finale di Coppa Italia. I bianconeri riescono a ribaltare il ko per 2-1 subito in casa all’andata con una scioltezza sorprendente, affondando una Fiorentina timida e impacciata in una di quelle serate in cui invece il cuore andrebbe gettato oltre l’ostacolo. Montella aveva chiesto ai suoi di non fare calcoli, ma i viola mancano di personalità e non riescono mai a sviluppare la manovra palla a terra che solitamente contraddistingue il loro calcio. La Juve, al contrario, dimostra che nessun traguardo le è precluso e Allegri, con lo scudetto ormai in tasca, resta in corsa su tutti i fronti. Lo scetticismo iniziale di parte della tifoseria della Vecchia Signora è ormai un lontano ricordo, con l’allenatore livornese che ha già fatto dimenticare Conte.

EMERGENZA JUVE – Nonostante una rosa che in Italia non ha eguali, Allegri si vede costretto a fronteggiare assenze pesanti. Alle già note indisponibilità di Asamoah, Caceres, Romulo e, soprattutto, di Pogba e Pirlo, si aggiunge la defezione di Tevez, fermato da un risentimento muscolare nella rifinitura. Come se non bastasse anche Lichtsteiner accusa un problema nel riscaldamento, costringendo il tecnico bianconero a mandare in campo Padoin. Allegri preferisce Matri a Llorente, per affiancare Morata in avanti, e recupera Marchisio a centrocampo. In porta fiducia a Storari, con Buffon tenuto a riposo. Nella Fiorentina i problemi maggiori sono in cabina di regia, vista la contemporanea mancanza di Badelj (squalificato) e Pizarro (infortunato). Montella punta su Aquilani, che vince il ballottaggio con Kurtic, e ritrova Savic in difesa. Pochi dubbi in attacco, dove Salah fa da spalla a Gomez.

Pereyra gol!!!

BIANCONERI CON PERSONALITA’ – Nel primo tempo la Juventus mette in mostra tutta la sua personalità. I bianconeri prendono subito in mano le redini del gioco e approfittano di un atteggiamento troppo passivo e rinunciatario dei viola. La Fiorentina, che spesso fa del fraseggio la sua migliore qualità, attende tutta dietro la linea della palla ma non è mai incisiva in fase di pressing. La Juve gioca meglio e alla prima occasione buona passa in vantaggio. Al 21′, su cross dalla destra di Marchisio, Matri prova a fare sponda in area per Pereyra, ma ne scaturisce un rimpallo che accomoda di nuovo la sfera sui piedi dell’attaccante. Per l’ex di turno è fin troppo facile trafiggere Neto.

VIOLA IN CONFUSIONE – La Fiorentina accusa il colpo e sbanda visibilmente. La squadra di Montella non accenna neppure una reazione convincente e, adagiandosi su un risultato che ancora la porterebbe in finale, continua a lasciare l’iniziativa agli avversari. Morata ci prova un paio di volte da fuori senza successo, ma il terzo tentativo è quello buono. Al 44′ Neto si distende bene sulla conclusione dello spagnolo, senza però fare i conti con Pereyra che sorprende una difesa viola piazzata malissimo e ribadisce in rete.

Bonucci gol!!!

RIPRESA SENZA STORIA – Chi si aspettava un sussulto della Fiorentina nel secondo tempo è destinato a rimanere deluso. I gigliati non pungono mai e ad annichilire le speranze dei padroni di casa di tornare in corsa ci pensa Bonucci al 59′. Sugli sviluppi di un corner la retroguardia viola perde il centrale juventino che di collo pieno scarica un tiro imparabile in rete. Il resto è pura accademia, con la sola nota stonata per Allegri del rosso diretto nei confronti di Morata, costretto dunque a saltare la finale di Roma del 7 giugno.

JUVE IN CORSA SU TRE FRONTI – La Juventus centra l’impresa e può continuare a cullare il sogno del triplete, oltre ad inseguire la decima coppa Italia, quella che permetterebbe di apporre la stella d’argento sulla maglia. La Fiorentina, invece, deve adesso trovare le forze per rialzarsi in fretta, visto che la stagione la vede ancora in corsa in Europa League e per il terzo posto in campionato. Superare una simile delusione, però, non sarà semplice e una notte così popolerà a lungo gli incubi dei tifosi viola.

La profonda delusione della difesa viola

FIORENTINA-JUVENTUS 0-3 (0-2)
FIORENTINA (3-5-2): Neto; Savic, Rodriguez (38′ st Tomovic), Basanta; Joaquin (21′ st Diamanti), Mati Fernandez, Aquilani, Borja Valero, Alonso; Salah, Gomez (28′ st Babacar). In panchina: Lezzerini, Rosati, Gilardino, Ilicic, Kurtic, Lazzari, Pasqual, Richards, Rosi. Allenatore: Montella.
JUVENTUS (4-3-1-2): Storari; Padoin, Bonucci, Chiellini, Evra; Vidal, Marchisio, Sturaro; Pereyra (38′ st Ogbonna); Matri (30′ st Coman;44′ st Llorente), Morata. In panchin: Buffon, Rubinho, Barzagli, Marrone, De Ceglie, Padoin, Pepe Allenatore: Allegri.
ARBITRO: Massa di Imperia.
RETI: 21′ pt Matri, 44′ pt Pereyra; 14′ st Bonucci.

Due tecnici di qualità: Allegri e Montella

NOTE: serata fredda, terreno in discrete condizioni. Espulso al 43′ st Morata. Ammoniti: Sturaro, Chiellini, Rodriguez, Marchisio, Mati Fernandez, Vidal. Angoli: 7-3 per la Fiorentina. Recupero: 0′; 4′.

 

Fonte: La repubblica.it

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie