pubblicitŗ 333.10.77.384

Categoria | Esteri

Nuova Classe C, il test di Michael Schumacher

Redazione - Pubblicato il 15 dicembre 2013

Nuova Classe C, il test di Michael Schumacher

 Il Campione del mondo ha provato i sistemi di assistenza della nuova Classe C sul Mercedes Technology Center di Sindelfingen.

La nuova Mercedes Classe C nelle mani di Schumacher? Sembra proprio di s√¨, visto che la settimana scorsa il campione del mondo ha testato i sistemi di sicurezza della nuova berlina della Stella¬† presso il Mercedes Technology Center di Sindelfingen. Si chiama SimCity ed √® un terreno di prova che consente di collaudare nuovi sistemi di assistenza su percorsi interdetti alla normale circolazione stradale. Schumacher √® infatti brand ambassador della Stella oltre che partner per lo sviluppo della Mercedes-Benz Intelligent Drive, denominazione con la quale vengono indicati i sistemi di assistenza alla guida che, agendo in sinergia, aumentano il piacere di guida e la sicurezza. ‚ÄúNessuno √® in grado di mantenere la concentrazione al 100% per molto tempo al volante nel traffico. A volte basta anche un solo attimo di distrazione a causare un incidente. Ed √® proprio questo il motivo per cui sono assolutamente favorevole ai sistemi di assistenza intelligenti a bordo‚ÄĚ, ha dichiarato Schumacher. ‚ÄúI sistemi di assistenza non sono mai soggetti a distrazione o affaticamento, risultando cos√¨ garanzia di massima tempestivit√† di intervento. Un intervento che pu√≤ salvare la vita‚ÄĚ. ‚ÄúCon Mercedes-Benz Intelligent Drive abbiamo inaugurato una nuova era nella sicurezza di guida attiva, confermando ancora una volta il nostro ruolo di pionieri della sicurezza‚ÄĚ, spiega Jochen Hermann, ingegnere Responsabile per i sistemi di assistenza e la sicurezza attiva in Mercedes Benz.
‚ÄúEvitare gli incidenti e ridurne le conseguenze: questo l‚Äôapproccio olistico della filosofia di sicurezza Mercedes-Benz, che sintetizziamo con il concetto di ‚ÄėReal Life Safety‚Äô‚ÄĚ. Schumacher ed Hermann hanno discusso in modo approfondito la filosofia alla base dei sistemi: a quale velocit√† e per quanto tempo √® necessario disporre della segnalazione ottica? E con quale intensit√† di quella acustica? A che punto dovrebbero attivarsi gli interventi di correzione automatica della traiettoria oppure l‚Äôintervento frenante automatico?
Fonte: Repubblica.it
OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie