pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Cultura

Marò, India: “Su pena di morte decisione a breve”.

Redazione - Pubblicato il 11 gennaio 2014

Marò, India: "Su pena di morte decisione a breve". Letta: "Nuova Delhi rispetti impegni presi"

Salvatore Girone e Massimiliano Latorre (ansa)

Marò, India: “Su pena di morte decisione a breve”. Letta: “Nuova Delhi rispetti impegni presi”

Il ministro degli Interni indiano, Sushil Shinde, dichiara che la decisione di applicare o meno la pena capitale verrà presa “in due-tre giorni”. Il premier: “Al loro fianco fino al ritorno a casa”

NEW DELHI – La decisione se applicare o meno la pena di morte alla vicenda di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, accusati dell’omicidio di due pescatori nel febbraio del 2012, sarà valutata dal governo indiano nel giro di due o tre giorni. A riferirlo è il ministro dell’Interno indiano, Sushil Kumar Shinde. “A breve decideremo come la Nia, la polizia investigativa indiana, debba procedere nei confronti dei due marò italiani“, ha spiegato Shinde alla stampa indiana.
Nuova Delhi ha sempre ribadito che il caso dei due fucilieri di marina non rientra tra quelli punibili con la pena di morte. Adesso tutto sembra tornare in bilico, nonostante l’ultima rassicurazione di ieri del ministro degli esteri indiano.
Il governo ha reagito con un vertice d’urgenza. Il ministro della difesa, Emma Bonino si è incontrata oggi pomeriggio con il premier Enrico Letta per esaminare gli ultimi sviluppi della vicenda. Il presidente del Consiglio ha ribadito la fiducia nel governo indiano e nel loro rispetto degli impegni concordati tra i due paesi: “Ci aspettiamo che il governo indiano sia  conseguente alle indicazioni date e alla decisione della corte suprema,  che aveva assicurato che non ci sarebbe stato il reato di pirateria e  una decisione rapida. Sarebbe inaccettabile che quelle rassicurazioni non  fossero rispettate”. In caso contrario, il governo italiano si riserva di assumere, in ogni sede, tutte le iniziative necessarie: “Confermo che il governo italiano resterà a fianco dei marò e delle loro famiglie fino a che non avremo raggiunto l’obiettivo di riportarli in Italia”.
L’opposizione intanto va all’attacco: “Di fronte a questa vergogna nazionale l’immobilismo del governo Letta è scandaloso – è la denuncia dei fondatori di Fratelli d’Italia, Ignazio La Russa, Guido Crosetto e Giorgia Meloni – il ministro Bonino riferisca subito in aula”. “Rischiamo di diventare un Paese senza una voce autorevole nel mondo”, ha dichiarato Deborah Bergamini, responsabile della comunicazione di Forza Italia. “Ci sarà la massima reattività del popolo italiano contro i governanti che non sono in grado di difendere i nostri connazionali in divisa”, ha commentato in una nota Gianni Alemanno.
“Se la notizia diffusa dal governo indiano è vera saremmo in presenza di un episodio gravissimo – è stato invece il commento di Nicola Latorre, senatore Pd e presidente della commissione Difesa a Palazzo Madama – il ministero degli Interni ha più volte assicurato che i due marò non rischiavano la pena di morte”.
A ridimensionare questo scenario positivo ci aveva già pensato la stampa indiana. Questa mattina l’Hindustan Times, un quotidiano indiano, aveva infatti scritto che la Nia aveva invocato per il caso dei marò l’applicazione di una speciale legge marittima, il Sua act, che prevede la pena capitale per qualsiasi azione con la quale sia stata provocata la morte di una persona in mare. “Non è assolutamente applicabile alla vicenda di Latorre e Girone. Se il governo indiano ricorrerà al Sua act, prenderemo le nostre contromisure”, ha confermato Staffan De Mistura, inviato
speciale del governo italiano in India per seguire le fasi del processo.
Sulle indiscrezioni della stampa indiana, è intervenuto anche il ministro della Difesa, Mario Mauro. “La campagna elettorale indiana si sta avvicinando in maniera prepotente e preoccupante alla vicenda dei marò – ha scritto il ministro sulla propria pagina Facebook – ma sono sicuro che il governo italiano mostrerà la necessaria inflessibilità per gestire questa fase”.

Fonte: Larepubblica.it
OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie