pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Cronaca

Altro che decisionista, in economia Renzi è insicuro e tentenna

Redazione - Pubblicato il 03 agosto 2014

In materia economica e sociale il governo Renzi non ha ancora assunto iniziative di riforma significative. Prudentissimo e tradizionale nelle nomine e nelle scelte riguardanti il potere finanziario. Con i sindacati ha fatto la faccia truce ma senza avviare il difficile riassetto degli ammortizzatori sociali. Ambiguo su Marchionne e le multinazionali. Indeciso a tutto nella politica di bilancio soprattutto di fronte alla Merkel e ai rigoristi della Ue. Tradizionalista nell’affidare a una crescita che resta solo un miraggio la soluzione dei problemi occupazionali. Infastidito dalla “spending review” offertagli da Cottarelli. Sospettoso dei bocconiani ma indisponibile a promuovere una riscossa keynesiana. Per farla breve, Renzi si sente palesemente insicuro sulle questioni fondamentali del nostro sistema economico. Ha azzeccato lo sgravio Irpef degli 80 euro, si è reso popolare con il tetto ai superstipendi pubblici, ma sono dettagli. Poi c’è stato il decreto Poletti, un favore alle piccole imprese ma anche una legittimazione di fatto del precariato… L’impressione è che il decisionismo di Renzi si fermi un attimo prima delle questioni più delicate, in cui bisognerebbe operare scelte nette in un senso o nell’altro. Lo vedremo in autunno, ma per ora in economia più che un leader è stato un “sor tentenna”.

Fonte:blog Gad Lerner

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie