pubblicit 333.10.77.384

Categoria | Pro-Trignina

Turdò di Italia Unita è categorico:Prioritario tutelare i giovani del SUAP di San Salvo

Redazione - Pubblicato il 19 gennaio 2014

Il movimento Italia Unita, partito dell’automobilista, condivide la preoccupazione espressa dal giornalista in riferimento al Suap di San Salvo. Riteniamo che come tutte le strutture amministrative per funzionare abbiamo bisogno si di figure apicali,ma anche di coloro che poi le pratiche le svolgono realmente, tenendo sempre in considerazione lo stato di bisogno, e quindi coloro che sono senza reddito, pensiamo che debbano avere più copertura dei pensionati. Specifichiamo che, per noi, nemmeno la sede utilizzata con quel ingresso sottoscala non ci sembra adeguato ad un ufficio pubblico che ha e tiene rapporti con imprese , ditte ed anche società per azioni internazionali. Precisiamo che ovviamente,qualora avvenisse, una sostituzione di ordine lottizzatorio ed immotivato, se dobbiamo tenere i giovani teniamoci quelli che abbiamo già con esperienze e competenze qualificate, ci attiveremo per la tutela dei giovani.

Ad abundantiam, sottolineo che conosco personalmente i due dirigenti Di Laudo E Ranalli, di cui ho stima sia per la disponibilità che il valore aggiunto che hanno apportato ad una struttura che è giustamente da considerarsi la migliore in Abruzzo e che dà servizio anche a molti comuni dell’Alto Molise e a quelli della Valle del Trigno.

Firmato : IL Presidente Antonio Turdò

SAN SALVO – 18 gennaio 2014 Spulciando on line i provvedimenti del Comune, si legge il 9 gennaio scorso è stato nominato Aldo D’Ambrosio nuovo segretario al posto del trasferito Michele Smargiassi, il quale é stato sostituito dallo stesso D’Ambrosio anche come responsabile del procedimento amministrativo dei Comuni del Patto Trigno Sinello, cosa che si legge, sempre online, nel decreto sindacale del 17 gennaio u.s. Oltre a questa Associazione, nel nostro Centro culturale opera anche il Suap (Sportello unico delle attività produttive), del quale nulla si legge e tanto si parla. Si parla, per esempio, della intervenuta scadenza (a fine dello scorso anno) di 6 contratti per altrettanti collaboratori: un ex segretario comunale, un ex geometra dirigente (entrambi pensionati) e quattro ragazzi. E si dice (ma questo on line non c’è scritto) che l’ex segretario e l’ex geometra saranno confermati, mentre i ragazzi (tre dei quali ci lavorano dai sei anni) sarebbero stati invitati ad aspettare. E loro aspettano, con le bocche cucite e il patema d’animo, perchè – si sa – di questi tempi un posto di lavoro, sia pure a contratto, vale oro.

Il Presidente del movimento Italia Unita Antonio Turdò

Secondo l’articolo 10 della convenzione Sit è facoltà del sindaco capofila nominare il segretario, cosa che può essere fatta anche monocraticamente. Non sappiamo se la Magnacca abbia concordato il suo decreto con altri colleghi. Nè sappiamo se confermerà o meno i quattro ragazzi, i cui parenti sono a sinistra, ma anche a destra. Immaginiamo i motivi per i quali sia stato promesso all’ex segretario comunale e all’ex geometra la conferma al Suap. Essendo il sindaco convinta che “la struttura del Comune è la migliore della provincia”, come sollevare dall’incarico colui che ne fu direttore generale per un decennio e il primo diplomato che, al tempo, ne divenne capo area? Non c’è dubbio che si tratti di persone esperte e valide, per le quali parlano i risulati tempestivi e non contestati delle tante autorizzazioni rilasciate nel territorio. Ma anche i quattro ragazzi (tre di San Salvo e una di Scerni) hanno maturato una professionalità da salvare dopo la…”selezione Ancitel”. Se si confermassero solo gli apicali e non anche i giovani, saremmo di fronte a ciò che Nenni definiva lo Stato Italiano: “forte con i deboli e debole con i forti”. Ci piacerebbe rilevare che la meritocrazia si applichi a tutti e non solo a chi già percepisce una pensione. Sarebbe davvero di cattivo gusto uno spoyl sistem in salsa locale, che si tiene due pensionati e manda a casa quattro ragazzi…per sostituirli…con chi ??? E sulla base di quali criteri??? Ods Suap di San Salvo. Riteniamo che come tutte le strutture amministrative per funzionare abbiamo bisogno si di figure apicali,ma anche di coloro che poi le pratiche le svolgono realmente, tenendo sempre in considerazione lo stato di bisogno, e quindi coloro che sono senza reddito pensiamo che debbano avere più copertura dei pensionati. Specifichiamo che, per noi, nemmeno la sede utilizzata con quel ingresso sottoscala non ci sembra adeguato ad un ufficio pubblico che ha e tiene rapporti con imprese , ditte ed anche società per azioni internazionali. Precisiamo che ovviamente,qualora avvenisse, una sostituzione di ordine lottizzatorio ed immotivato, se dobbiamo tenere i giovani teniamoci quelli che abbiamo già con esperienze e competenze qualificate, ci attiveremo perla tutela dei giovani. Ad abundantiam, sottolineo che conosco personalmente i due dirigenti Di Laudo E Ranalli, di cui ho stima sia per la disponibilità che il valore aggiunto che hanno apportato ad una struttura che è giustamente da considerarsi la migliore in Abruzzo e che dà servizio anche a molti comuni dell’Alto Molise e a quelli della Valle del Trigno. Firmato : IL Presidente Antonio Turdò SAN SALVO – 18 gennaio 2014 Spulciando on line i provvedimenti del Comune, si legge il 9 gennaio scorso è stato nominato Aldo D’Ambrosio nuovo segretario al posto del trasferito Michele Smargiassi, il quale é stato sostituito dallo stesso D’Ambrosio anche come responsabile del procedimento amministrativo dei Comuni del Patto Trigno Sinello, cosa che si legge, sempre online, nel decreto sindacale del 17 gennaio u.s. Oltre a questa Associazione, nel nostro Centro culturale opera anche il Suap (Sportello unico delle attività produttive), del quale nulla si legge e tanto si parla. Si parla, per esempio, della intervenuta scadenza (a fine dello scorso anno) di 6 contratti per altrettanti collaboratori: un ex segretario comunale, un ex geometra dirigente (entrambi pensionati) e quattro ragazzi. E si dice (ma questo on line non c’è scritto) che l’ex segretario e l’ex geometra saranno confermati, mentre i ragazzi (tre dei quali ci lavorano dai sei anni) sarebbero stati invitati ad aspettare. E loro aspettano, con le bocche cucite e il patema d’animo, perchè – si sa – di questi tempi un posto di lavoro, sia pure a contratto, vale oro. Secondo l’articolo 10 della convenzione Sit è facoltà del sindaco capofila nominare il segretario, cosa che può essere fatta anche monocraticamente. Non sappiamo se la Magnacca abbia concordato il suo decreto con altri colleghi. Nè sappiamo se confermerà o meno i quattro ragazzi, i cui parenti sono a sinistra, ma anche a destra. Immaginiamo i motivi per i quali sia stato promesso all’ex segretario comunale e all’ex geometra la conferma al Suap. Essendo il sindaco convinta che “la struttura del Comune è la migliore della provincia”, come sollevare dall’incarico colui che ne fu direttore generale per un decennio e il primo diplomato che, al tempo, ne divenne capo area? Non c’è dubbio che si tratti di persone esperte e valide, per le quali parlano i risulati tempestivi e non contestati delle tante autorizzazioni rilasciate nel territorio. Ma anche i quattro ragazzi (tre di San Salvo e una di Scerni) hanno maturato una professionalità da salvare dopo la…”selezione Ancitel”. Se si confermassero solo gli apicali e non anche i giovani, saremmo di fronte a ciò che Nenni definiva lo Stato Italiano: “forte con i deboli e debole con i forti”. Ci piacerebbe rilevare che la meritocrazia si applichi a tutti e non solo a chi già percepisce una pensione. Sarebbe davvero di cattivo gusto uno spoyl sistem in salsa locale, che si tiene due pensionati e manda a casa quattro ragazzi…per sostituirli…con chi ??? E sulla base di quali criteri??? Ods

OknotizieFacebookTwitterSegnaloDeliciousDiggShare
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lascia un commento

Spam Protection by WP-SpamFree

This movie requires Flash Player 9
This movie requires Flash Player 9

Archivio Mensile

Categorie